I reati fiscali non sono “delitti di serie b” e vanno affrontati dai professionisti giusti. Oggi è possibile trovarli anche con Avvocati Tributaristi Milano

7

La cartella esattoriale è uno strumento attraverso il quale la pubblica amministrazione italiana attiva un procedimento di riscossione coatta di credito vantato nei confronti del contribuente.

Detto in termini semplici: se dovete dei soldi allo Stato siate pur certi che prima o poi questo li esigerà… e spesso ci andrà giù pure pesante!

Ragion per cui, lasciare che le cartelle esattoriali si accumulino o far passare sotto silenzio le ingiunzioni di pagamento non è mai cosa saggia…

Molto meglio chiedere il parere di un avvocato tributarista, che fornisce consulenza in materia di imposizione, e se del caso si occupa delle questioni contenziose avanti alle Commissioni tributarie o avanti all’agenzia delle entrate.

E poiché arrivare ad un processo è sempre una rogna, è molto meglio decidersi a chiedere questa consulenza quando i tempi sono ancora favorevoli.

Dove e come farlo?

Da oggi è possibile adoperare http://avvocatitributaristi.com/, il nuovo sito specializzato che permette di ottenere le informazioni di cui si necessita tramite la compilazione di un form, che permette di ottenere risposte gratuitamente.

I partner di questa piattaforma affrontano problematiche delle seguenti fattispecie:

  1. La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti
  2. La dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici
  3. La dichiarazione infedele
  4. L’omessa dichiarazione
  5. L’emissione di documenti per operazioni inesistenti 
  6. L’occultamento o distruzione di documenti contabili
  7. L’omesso versamento IVA
  8. L’indebita compensazione
  9. La sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte
  10. La trasmissione di atti o documenti falsi.

Si tratta di tutte le tipologie di reati tributari dei quali è possibile macchiarsi.

Qualora si sia accusati di uno di questi reati, o si sia stati lesi da un soggetto che se n’è reso attore, è necessario farsi seguire da un avvocato tributarista a Milano nel corso di un processo penale tributario.

Anche perché le pene previste per questi reati non sono affatto risibili.

Ad esempio, per i primi due tipi di dichiarazione è prevista la pena della reclusione da 1 anno e 6 mesi a 6 anni; per la dichiarazione infedele la pena prevede la reclusione da uno a tre anni; per entrambe le omissioni di dichiarazione è stabilita la galera da un anno e 6 mesi a 4 anni; qualora si eluda il versamento dell’IVA si viene puniti con la reclusione da 6 mesi a 2 anni; e così via.

Spesso è poi prevista la confisca per equivalente, vale a dire il sequestro di denaro o beni corrispondente al profitto del reato. E anche nl caso in cui si tratti di beni acquistati dall’indagato/imputato in epoca antecedente all’entrata in vigore della legge che ha esteso tale misura al suddetto reato (si parla infatti di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente).

E per di più il patteggiamento per i reati tributari può essere richiesto solo quando il debito tributario sia stato pagato.

Insomma, lungi dall’essere “reati minori”, i delitti fiscali vanno affrontati con la medesima solerzia, esperienza e velocità di tutti gli altri cimini…