Come collegare l’ipad al televisore

come_collegare_l_ipad_al_televisore_800x450

L’iPad è uno strumento di eccezionale utilità. Oltre a presentare caratteristiche simili a quelle di uno smartphone, il suo più grande vantaggio è dato dalla presenza di uno schermo ampio e pratico.

Con un iPad è possibile portare a termine le medesime attività che svolgiamo ogni giorno sui telefoni, disponendo però di un display ancor più accurato.

Già, ma come collegare l’iPad al televisore per visualizzare i contenuti del nostro dispositivo direttamente alla TV? Scopriamolo insieme.

Le tre possibili modalità di connessione

Visualizzare i contenuti multimediali su una smart TV di ultima generazione (se vuoi vedere i modelli appena usciti, puoi consultare dei siti specializzati, come per esempio https://s-m-webblog.com/tv/) rappresenta un vantaggio notevole, potendo contare su una risoluzione grafica eccellente e in grado di restituire un gamma dei colori particolarmente accurata.

In linea generale, l’iPad può essere collegato in tre modalità differenti: attraverso gli adattatori filari e i cavi, attraverso connessione wireless (con riferimento all’utilizzo del dispositivo Chromecast prodotto da Google) e facendo affidamento sulla Apple TV.

Ognuna delle tre modalità presenta caratteristiche differenti, ma il risultato è sempre lo stesso: garantire la miglior trasposizione possibile dei contenuti dall’iPad al monitor della TV. Entriamo nel dettaglio e scopriamo una per una le procedure alla base del collegamento tra il dispositivo Apple e il televisore.

L’utilizzo degli adattatori e dei cavi

Partiamo dalla connessione mediante l’utilizzo di adattatori e cavi. Innanzitutto, vale la pena sottolineare come alcuni adattatori consentano effettivamente di creare un collegamento diretto tra iPad e televisore, andando però incontro, a fronte dell’utilizzo di alcune particolari applicazioni, a restrizioni legate al diritto d’autore e alla condivisione di materiale multimediale su dispositivi terzi.

Ma quali sono gli adattatori da acquistare per provvedere alla creazione di un collegamento efficace? In linea generale, stiamo parlando di cavi caratterizzati da un ingresso USB-C (vale a dire l’apertura alla quale si connette il cavo di ricarica degli iPhone e degli iPad più recenti) e da supporto del cavo HDMI. Una volta acquistato l’adattatore in questione presso il proprio rivenditore di fiducia (meglio chiedere un consiglio a un commesso esperto) è possibile creare il collegamento.

Assicurandosi di avere acceso l’iPad, la connessione tra il dispositivo Apple può essere approntata innanzitutto collegando l’adattatore alla porta USB-C del tablet.

All’adattatore andrà poi collegato il cavo HDMI (da acquistare nel caso in cui non lo si abbia in casa) alla porta apposita. Infine, lo stesso cavo HDMI andrà connesso alla porta HDMI del proprio televisore. Una volta creato il collegamento, la TV riconoscerà la presenza di un dispositivo esterno inviando una notifica sul monitor.

Nel caso in cui la TV non abbia mostrato direttamente la notifica citata, è possibile effettuare in maniera manuale lo spostamento dalla schermata televisiva alla home dell’iPad: dal telecomando è sufficiente cliccare il pulsante attraverso il quale poter passare dalla modalità canonica all’AV, così da visualizzare direttamente il cavo HDMI connesso e accedere direttamente alla modalità in questione.

Il procedimento qui descritto vale per qualsiasi altro adattatore filare, purché prima dell’acquisto del cavo si verifichi la tipologia di porta ospitata nel proprio iPad (con un’attenzione particolare da rivolgere ai modelli meno recenti del tablet Apple).

L’utilizzo della connessione wireless con Google Chromecast

Una delle metodologie più sfruttate in assoluto per connettere il proprio iPad al televisore riguarda la Google Chromecast. La Chromecast non è altro che un adattatore in grado di consentire il collegamento tra due dispositivo, sostituendo di fatto il ruolo del cavo HDMI. In questo caso la connessione è wireless, il che significa dover connettere entrambi gli apparecchi (iPad e Chromecast) alla rete Wi-Fi.

Il funzionamento della Chromecast è semplicissimo.

Innanzitutto, il dispositivo va installato alla televisione attraverso tutta una serie di passaggi guidati, i quali verranno visualizzati sul monitor della TV una volta collegato l’adattatore alla porta apposita. Per collegare la Chromecast è fondamentale munirsi anche di un PC (un laptop è sufficiente), mediante il quale individuare il dispositivo connesso e procedere con la prima configurazione generale.

Una volta installata la Chromecast al televisore, il collegamento tra l’iPad e il dispositivo Google può essere creato innanzitutto aprendo una delle app dalle quali dare il via allo streaming (es.: YouTube).

Fatto ciò, dopo aver verificato di aver inserito correttamente la Chromecast nella porta apposita della TV, dall’app di streaming sull’iPad è sufficiente cliccare sul simbolo della trasmissione dei contenuti (il piccolo schermo con le onde della rete wireless). Come per magia, ciò che verrà visualizzato sul tablet apparirà anche sul monitor del televisore.

L’utilizzo della Apple TV

Infine, un dispositivo che consente di effettuare un collegamento tra iPad e televisore è la Apple TV. Funzionante in maniera analoga alla Chromecast, la Apple TV può essere collegata alla televisione mediante la porta HDMI per poi fungere da elemento di connessione tra il tablet e la TV stessa.

Una volta collegata la Apple TV con il cavo apposito, il collegamento va creato direttamente dall’iPad. Scorrendo il centro notifiche del tablet dall’alto verso il basso si aprirà il classico menù a tendina, e toccando l’icona dello schermo con il triangolo si visualizzerà proprio il nome della Apple TV. Un altro tocco e il gioco è fatto.